Inverno 2001 

Inverno 2001. Misuravo la mia fiacchezza ogni sera, in bagno davanti allo specchio, dopo un’altra giornata passata, un’altra telefonata non fatta, un po’ di gengiva in meno.

Con la fine dell’inverno portai quindi la mia esistenza verso la contemplazione e lo scaccolamento.